Crema Solare Minerale: Cosa Sapere e 7 TOP 2023 per INCI

crema solare minerale migliore pe

La crema solare è quel cosmetico di cui nessuno, mai, dovrebbe dimenticarsi.

Come vedremo, la crema solare minerale è uno step in “più”, ma la primissima regola è usare sempre una crema solare (di qualità), che sia minerale o chimica.

Nel momento in cui ho iniziato a cercare creme solari minerali, mi sono accorta subito di una cosa:

la maggior parte delle creme solari che si definiscono minerali, in realtà sono degli ibridi: ossia nella formula sono presenti sia filtri chimici che filtri fisici.

Non c’è nulla di male in questo, ma la se cerchiamo una crema solare minerale al 100%, la scelta sarà molto più difficile.

Questa fatica me la sono sorbita io, e infatti oggi proporrò quelle che ritengo le migliori creme solari minerali di alta qualitàveramente minerali!

In particolare oggi risponderemo ad alcune domande:

  • Quali sono le differenze fra una crema solare minerale e una crema solare chimica?
  • Secondo i più recenti studi scientifici quali sono i pro e i contro di una e dell’altra?
  • E, nel caso optassi per una crema solare minerale, quali sono effettivamente le migliori in commercio?

Dopo diverse serate insonni ho risposto a tutte queste domande. Scopriamo il tutto!

Filtri solari minerali vs filtri solari chimici

Iniziamo col distinguere molto brevemente le due tipologie di filtri solari, capendo in cosa differiscono.

Esistono infatti due tipi di filtri solari: chimici e minerali (questi ultimi anche detti fisici).

Filtri solari chimici

I filtri solari chimici utilizzano materiali organici come oxybenzone, avobenzone, homosalate, octinoxate, octocrylene e octisalate per offrire protezione solare. Questi funzionano assorbendo i raggi del sole, trasformandoli in calore, quindi rilasciando detto calore attraverso la pelle.

filtri minerali vs filtri chimici
Meccanismo di funzionamento dei filtri fisici (minerali) vs i filtri chimici – I primi riflettono la radiazione, i secondi la assorbono e la disperdono sotto forma di calore

Questo processo richiede circa 15 minuti, per questo viene sempre detto di aspettare almeno 15 (o meglio 30) minuti dall’applicazione prima di esporsi al sole.

A causa delle loro proprietà, i filtri chimici tendono ad essere esteticamente più eleganti dei fisici e possono essere formulati in creme idratanti e oli leggeri.

Esistono anche alcuni contro.

Il primo: devono essere applicati più spesso dei filtri solari minerali perché non sono fotostabili e tendono a degradare con l’esposizione ai raggi UV. La durata dipende dal filtro specifico.

Secondo: i bloccanti chimici sono stati oggetto di un certo numero di critiche negli ultimi tempi, a causa di recenti scoperte riguardanti la possibile eccessiva penetrazione nella pelle. (1)

Alcune sostanze chimiche sono state collegate all’interruzione del sistema endocrino, sebbene i dati non sempre siano conclusivi, e soprattutto dipendano dal filtro specifico utilizzato. (Ho approfondito il discorso nel mio articolo sulla scelta delle creme solari)

Si è trattato solo di casi limite, ma alla luce di ciò, molte persone si sono progressivamente rivolte alle creme solari minerali, che appunto usano filtri solari fisici.

Terzo: alcuni filtri chimici come l’ossibenzone e l’octinoxato possono penetrare nell’acqua ed essere molto dannosi a livello ambientale, soprattutto per le barriere coralline, perché ne bloccano il ciclo riproduttivo. (2)

Per questo alcuni Paesi del mondo hanno vietato l’utilizzo di solari contenti i filtri chimici oxybenzone e octinoxate, come Isole Vergini, la Thailandia, e alcune isole Caraibiche.

Questo non significa che le creme solari di origine chimica siano tutte da condannare! Semplicemente, questi sono i fatti a cui fare attenzione.

Filtri solari minerali

I filtri solari minerali sono bloccanti fisici, che deviano i raggi dalla pelle, a differenza delle opzioni chimiche, che assorbono i raggi UV.

I raggi UVA penetrano in profondità nel derma, e sono responsabili dell’invecchiamento precoce della pelle (fotoaging). I raggi UVB sono i responsabili delle scottature, formazione di macchie, e possibili alterazioni del DNA

I filtri solari minerali agiscono come una barriera fisica tra te e i raggi UV, disperdendo la luce quando colpisce la tua pelle.

I due ingredienti minerali più comunemente usati, il biossido di titanio e l’ossido di zinco, sono entrambi ingredienti per la protezione solare ormai ritenuti sicuri.

Questi bloccano un’ampia gamma di lunghezze d’onda UV e sono fotostabili, il che significa che non devi riapplicare frequentemente (anche se dovresti comunque attenerti alla regola delle due ore).

Poiché sono bloccanti fisici, funzionano non appena applicati sulla pelle, quindi tecnicamente non è necessario applicarli 15-30 minuti prima dell’esposizione al sole, come fa una protezione solare chimica (ma come sempre attieniti alle indicazioni del prodotto).

Il titanio e l’ossido di zinco sono ben tollerati da tutti i tipi di pelle, comprese quelle sensibili, e hanno meno probabilità di provocare una reazione allergica. (3)

E i contro?

A differenza dei filtri solari chimici, i filtri fisici non sono così facili da applicare. Tendono a lasciare una scia bianca sulla pelle, il che rende poco gradevoli per molti di noi.

Una soluzione è stata l’utilizzo di nanoparticelle, che riescono ad essere spalmate più facilmente. Sebbene siano stati sollevati diversi dubbi sul fatto che le nanoparticelle dei filtri solari minerali potessero essere assorbiti dall’organismo, ad oggi sono ritenuti sicuri.

In questo, una recente revisione di studi del Journal of Investigative Dermatology ne ha sottolineata la non-tossicità, perché le nanoparticelle coagulano tra loro e rimangono per lo più sulla superficie più esterna della pelle.

Insomma: se è vero che qualsiasi crema solare è meglio della pelle “nuda”, è anche vero che una crema solare minerale potrebbe dare qualche sicurezza in più di una chimica.

Benissimo, ma dunque quali sono alcune delle migliori creme solari minerali?

È il momento di vederle!

Crema Solare Minerale: Classifica

7. Heliocare – 360° Mineral Spf50+

crema solare minerale heliocare

Cantabria Labs è un’azienda cosmetica spagnola molto conosciuta nella penisola iberica, prodotta da una catena di farmacie.

Mineral è una crema solare minerale a base di ossido di zinco e il biossido di titanio per proteggere la pelle dai raggi del sole.

Iniziamo dalla texture: per essere una crema solare minerale ha una texture più che soddisfacente. Si spalma bene, non lascia un esagerato effetto casper e si aggrappa bene alla pelle.

È sufficientemente leggera, quindi non si sente pesante o grassa sulla pelle. Non ostruisce i pori o lascia residui appiccicosi sulla mia pelle, e difatti è particolarmente indicata anche nel caso di dermatiti o eczemi.

Come filtro solare SPF50, offre una protezione ad ampio spettro contro i raggi UVA e UVB.

La formula contiene anche Polypodium Leucotomos Leaf Extract, una felce tropicale sudamericana tradizionalmente utilizzata per condizioni particolari della pelle tra cui psoriasi, dermatite atopica, vitiligine, eruzione polimorfica leggera, e melasma.

Contiene anche ingredienti benefici come l’estratto di Camellia Sinensis, che è un potente antiossidante che aiuta a proteggere la pelle dai radicali liberi.

Insomma, parliamo di una crema minerale con SOLI filtri solari fisici, anche se non biologica. È specifica per il viso, ed infatti è particolarmente leggera anche nel caso di pelli grasse.

Il fatto che sia specializzata per pelli con problemi specifici, la rende fuori dal comune e per questo merita di essere menzionata. Purtroppo, il prezzo non è basso.

INCI

Aqua, Cyclopentasiloxane, Zinc Oxide (Nano), Titanium Dioxide (Nano), Diethylhexyl Carbonate, Dibutyl Adipate, Dicaprylyl Carbonate, Polyglyceryl-3 Polydimethylsiloxyethyl Dimethicone, Peg-30 Dipolyhydroxystearate, Cetyl Peg/Ppg-10/ Dimethicone, Nylon-12, Aluminum Hydroxide, Stearic Acid, Cyclohexasiloxane, Magnesium Sulfate, Phenoxyethanol, Polypodium Leucotomos Leaf Extract, Ethyl Ascorbic Acid, Ethylhexyl Ferulate, Ferulic Acid, Caffeic Acid, Physalis Angulata Extract, Caprylyl Glycol, Melanin, Camellia Sinensis Extract, Tocopheryl Acetate, Panthenyl Triacetate, Parfum, Ethylhexylglycerin, Ethyl Linoleate, Caprylic/​Capric Triglyceride, Oleyl Alcohol, Arabidopsis Thaliana Extract, Triethoxycaprylylsilane, Glyceryl Stearate, Disodium Edta, Butylene Glycol, Oxothiazolidine, Tocopherol, Lecithin, Sodium Benzoate, Linalool, Limonene

PRO

  • Filtri solari solo minerali
  • La consistenza morbida e cremosa si fonde facilmente con la pelle
  • Contiene antiossidanti naturali per proteggere dagli stress ambientali
  • Ha ingredienti specifici per aiutare in caso di condizioni come dermatite o psoriasi

CONTRO

  • Prezzo più alto della media
  • Lascia un leggero effetto bianco sulla pelle

Heliocare – 360° Mineral Spf50+ (50 ml) – Prezzo (Amazon.it): 19,00 euro


6. Nivea Sun – Mineral Spf50

crema solare minerale nivea

Ok no filtri chimici

Avrei mai pensato di mettere un prodotto Nivea nel mio blog? No.

Eppure la Mineral SPF 50+ è una crema minerale che ritengo più che accettabile fra quelle più “commerciali”.

Questa crema solare è una formula a base minerale ed infatti fra i filtri troviamo solo ossido di zinco e biossido di titanio per fornire protezione fisica contro i raggi UVA e UVB.

Quello che apprezzo di questa crema solare è che è formulata con alcuni ingredienti noti per i loro benefici per la pelle, senza abbondare con schifezze varie.

Ad esempio, la formula contiene Ubichinone, un potente antiossidante che aiuta a proteggere la pelle dai radicali liberi che possono causare un invecchiamento precoce. Inoltre, la presenza di Aloe Barbadensis, che lenisce e calma la pelle idratandola.

La texture di questa crema solare minerale è liscia e cremosa, facilitando l’applicazione e la sfumatura sulla pelle senza lasciare residui. Si assorbe rapidamente.

La formula è sufficientemente leggera, quindi non si sente (troppo) pesante o grassa sulla pelle. Inoltre, è resistente all’acqua, il che significa che può fornire protezione anche quando sei in acqua o sudi. Naturalmente, sappiamo che andrà riapplicata in questi casi.

Perfetta? No di certo.

Troviamo alcool denaturato abbastanza in alto nell’INCI, che può seccare e irritare la pelle in alcune persone.

In secondo luogo, la presenza di silicone (Dimeticone) nella formula potrebbe non essere la preferenza di tutti, lo so, però va detto che è in ultimissa posizione, quindi davvero in bassa concentrazione.

Morale: se cerchiamo una crema minerale economica (si fa per dire, fra le minerali), questa è una di quelle che mi sentirei di consigliare.

INCI

Aqua, Zinc Oxide (nano), Isopropyl Palmitate, C12-15 Alkyl Benzoate, Dicaprylyl Ether, Titanium Dioxide (nano), Alcohol Denat., Polyglyceryl-4 Diisostearate/ Polyhydroxystearate/ Sebacate, Polyglyceryl-3 Diisostearate, Hydrogenated Rapeseed Oil, Glycerin, Ubiquinone, Aloe Barbadensis Leaf Juice Powder, Tocopherol, Triethoxycaprylylsilane, Silica, Magnesium Sulfate, Hydroxyacetophenone, Ethylhexylglycerin, Dimethicone

PRO

  • Filtri solari esclusivamente minerali
  • Buona consistenza sulla pelle
  • Non lascia residui
  • Resistente all’acqua

CONTRO

  • Contiene alcool denaturato in alto nell’INCI, che potrebbe seccare la pelle
  • Molte utenti si lamentano dell’effetto Casper

Nivea Sun – Mineral Spf50 (50 ml) – Prezzo (Amazon.it): 11,00 euro


5. Hawaiian Tropic – Mineral Sun Milk Spf30

crema solare minerale hawaiian

In cerca di una crema minerale che pensa ai coralli e all’ambiente? Hawaiian Tropic Mineral è la crema giusta!

Tropic Mineral Sun è una crema solare minerale realizzata con solo ossido di zinco. Eccellente per chi ha la pelle sensibile o per chi cerca un’opzione con solo filtri fisici.

La crema solare è formulata con ingredienti nutrienti come Cocos Nucifera Oil (olio di cocco), Aleurites Moluccanus Seed Oil (olio di noce di Kukui) e Psidium Guajava Fruit Extract (estratto di guava). Questi ingredienti aiutano a mantenere la pelle idratata e protetta dai radicali liberi e dai fattori di stress ambientali.

Apprezzo anche che la formula sia leggera e non grassa, rendendola facile da applicare e comoda da indossare per tutto il giorno.

Non lascia un eccesso di bianco sulla pelle e si assorbe rapidamente: all’inizio sembra molto liquida, ma poi spalmandola sulla pelle si amalgama bene. Ottima anche come base per il trucco.

Va detto che NON è una crema solare minerale biologica. Troviamo alcuni agenti condizionanti come etyl peg/ppg-10/1 dimethicone e paraffina liquida, che alle più “bio” di noi farà storcere il naso.

Tuttavia, è una crema solare minerale capace di offrire un ottimo compromesso fra filtri solari solo fisici e una spalmabilità ottima.

INCI

Aqua, Zinc Oxide, C12-15 Alkyl Benzoate, Butyloctyl Salicylate, Caprylic/Capric Triglyceride, Glycerin, Cetyl PEG/PPG-10/1 Dimethicone, Dimethicone, Lauryl PEG-8 Dimethicone, Polyhydroxystearic Acid, Sodium Chloride, Cocos Nucifera Oil, Vp/​Eicosene Copolymer, Ethylhexyl Methoxycrylene, Alcohol Denat, Phenoxyethanol, Stearalkonium Bentonite, Caprylyl Glycol, Parfum, Propylene Carbonate, Aleurites Moluccanus Seed Oil, Ethylhexylglycerin, Linalool, Paraffinum Liquidum, Limonene, Mica, Psidium Guajava Fruit Extract, Plumeria Acutifolia Flower Extract, Passiflora Incarnata Fruit Extract, Mangifera Indica Fruit Extract, Carica Papaya Fruit Extract, Ci 77163, Ci 77491

PRO

  • Come filtro solare usa solo l’ossido di zinco (quindi minerale)
  • Presenti diversi idratanti tra cui olio di cocco, olio di noce Kukui ed estratto di guava
  • Formula leggera e non grassa che si assorbe rapidamente: adatta anche sotto il makeup

CONTRO

  • Prezzo più alto rispetto ad altre sul mercato
  • Dimethicone e paraffina liquida non piaceranno alle più Bio di noi!

Hawaiian Tropic – Mineral Sun Milk Spf30 (50 ml) – Prezzo (Amazon.it): 19,90 euro


4. Alkemilla – Crema solare Baby Spf50

crema solare minerale alkemilla

Lo dico subito: Alkemilla è una crema minerale ibrida, quindi comprende sia filtri solari minerali, che filtri solari chimici.

Utilizza infatti Diethylamino hydroxybenzoyl hexyl benzoate e Ethylhexyl methoxycinnamate, due filtri solari chimici che pur avendo un profilo di rischio assolutamente basso, potrebbero non essere ideali se cerchiamo una crema solare minerale al 100%.

Va detto, che d’altra parte, questo porta alcuni vantaggi. Infatti, è una crema che offre ad un prezzo relativamente contenuto (considerata la confezione da 150 ml) per una crema solare ibrida che si stende bene e dall’ottima capacità protettiva.

Al di là dei filtri solari chimici e del filtro minerale (ossido di titanio in questo caso), ha una formula molto attenta.

La formulazione contiene molti ingredienti naturali idratanti: troviamo olio di cocco, burro di karité, burro di semi di cacao, semi di girasole, semi di lino, estratto di aloe vera… solo per citarne alcuni!

L’effetto è effettivamente di una crema che lascia una sensazione di idratazione, anche ore dopo averla indossata.

La consistenza è più che accettabile, si applica uniformemente sulla pelle, senza lasciare residui grassi o appiccicosi. È poi il vantaggio di usare la formula ibrida.

Si assorbe rapidamente e fornisce una finitura opaca, ideale per chi ha la pelle grassa o mista. Funziona bene anche sotto il trucco, senza incrostazioni.

Un effetto leggermente bianco è inevitabile, ma tutto sommato più contenuto di tante altre.

INCI

Aqua [Water], Diethylamino hydroxybenzoyl hexyl benzoate, Ethylhexyl methoxycinnamate, Propanediol, Caprylic/capric triglyceride, Dibutyl adipate, Dicaprylyl ether, Diethylhexyl sebacate, Ethylhexyl triazone, Titanium dioxide, Cetyl alcohol, Lauryl glucoside, Bis-ethylhexyloxyphenol methoxyphenyl triazine, Myristyl myristate, Polyglyceryl-2 dipolyhydroxystearate, Polyglyceryl-3 polyricinoleate, Butyrospermum parkii (Shea) butter, Theobroma cacao (Cocoa) seed butter, Cocos nucifera (Coconut) oil, Daucus carota (Carrot) sativa root extract (*), Helianthus annuus (Sunflower) seed oil (*), Linum usitatissimum (Linseed) seed extract (*), Aloe barbadensis leaf extract (*), Calendula officinalis flower extract (*), Chamomilla recutita (Matricaria) flower extract (*), Malva sylvestris (Mallow) flower/leaf extract (*), Althaea officinalis root extract (*), Tocopherol, Ascorbyl palmitate, Glycerin, Benzyl alcohol, Sodium polyacrylate, Sodium cetearyl sulfate, Phenethyl alcohol, Parfum [Fragrance], Undecyl alcohol, Sodium hydroxide, Acrylates/C10-30 alkyl acrylate crosspolymer, Carbomer

PRO

  • Ottima texture e facilità di stesura sulla pelle
  • Formula ricchissima di estratti vegetali ad effetto idratante/antiossidante
  • Fragranza naturale fruttata molto piacevole
  • Pensata per i bambini, molto delicata sulla pelle

CONTRO

  • Non è una crema solare minerale al 100%: la formula è ibrida!

Alkemilla – Crema solare Baby Spf50 (150 ml) – Prezzo (Amazon.it): 16,90 euro


3. Fuka Eri – Colored Zinc Sunscreein Spf50

crema solare minerale colorata fondotinta

Fuka Eri è un’azienda spagnola che propone una via di mezzo fra una crema solare minerale biologica e un burro colorato.

Detta così suona male, ma il punto è che hanno colorato la crema minerale per evitare l’effetto bianco e donare un leggero colorito una volta indossata!

È una crema solare minerale vegana, senza parabeni, vaselina o altri prodotti chimici dubbi. Adatta a tutta la famiglia (bambini sopra i 3 anni) e a tutti i tipi di pelle.

Fra i filtri utilizzati troviamo solo i fisici, l’ossido di zinco e biossido di titanio. Senza nanoparticelle e in percentuali inferiori al 20%.

È arricchita da olio di jojoba, nonché burro di karitè e di cocco, fra i primi ingredienti. Davvero ottima a livello lenitivo ed idratante.

La crema è realizzata con ingredienti di alta qualità pensati per essere innoqui per l’ambiente. Pensata per proteggere le barriere coralline e la vita marina.

Notiamo che l’azienda indica la vita utile di un anno perché è la normativa in materia di solare, a specifica che se ben conservata può durare diversi anni senza perdere proprietà.

La differenza rispetto alle altre, comunque, la fa il tocco di colore (castano chiaro) per evitare l’effetto casper: è in grado di abbinarsi a praticamente ogni tono della pelle e coprire anche leggere imperfezioni.

INCI

Zinc Oxide, Cocos Nucifera (Coconut) Oil, Simmondsia Chinensis (Jojoba) Seed Oil, Butyrospermum Parkii Butter, Mica, Titanium Dioxide, Euphorbia Cerifera (Candelilla) Wax, Theobroma Cacao (Cocoa) Seed Butter, CI 77491 (Iron Oxide), Prunus Amygdalus Dulcis Oil, Helianthus Annuus (Sunflower) Oil, Calendula Officinalis Flower Extract, Tocopherol, Rosmarinus Officinalis Leaf Oil, Limonene, Linalool

PRO

  • Solo filtri minerali
  • Leggera colorazione castana, come se fosse un leggerissimo fondotinta
  • Ottimo profilo INCI: presenti oli vegetali anti radicali liberi fra i primi ingredienti
  • Si spalma bene, anche se ci vuole un po’ di pazienza
  • Vegana e protettiva per la fauna marina

CONTRO

  • È una specie di burro: non bisogna esagerare altrimenti potrebbe risultare un po’ pesante!

Fuka Eri – Colored Zinc Sunscreein Spf50 (60gr) – Prezzo (Amazon.it): 21,00 euro


2. La Saponaria – Crema Solare Bio Bambini Spf50

crema solare minerale biologica bambini saponaria

Se vogliamo una crema solare minerale che rispetti davvero tutti i Sacri Crismi possibili e immaginabili, ecco che questa di Saponaria potrebbe davvero essere perfetta.

Si tratta di una crema solare minerale per bambini, ma che naturalmente possiamo utilizzare anche da adulti!

Ottima per pelli particolarmente chiare, è ricchissima di nutrienti. Il principale ingrediente attivo di questa crema solare è l’ossido di zinco, non nano.

Oltre all’ossido di zinco, questa crema solare contiene anche Girasole e Bisabololo naturale per nutrire e lenire la pelle, Melagrana e Gamma Orizanolo per proteggerla dallo stress ossidativo causato dal sole e filtri minerali naturali per difenderla naturalmente dai raggi UVA e UVB.

Degna di nota la presenza di Tocopheryl Acetate, ossia il tocoferolo, che non è altro che vitamina E, uno dei migliori ingredienti per proteggere dai radicali liberi.

Senza profumi aggiunti, dotata di filtri 100% minerali non nano, resistente all’acqua e dermatologicamente testata per bambini.

Cosa chiedere di più, a parte un prezzo più basso?

INCI

Aqua, Zinc Oxide, Caprylic/Capric Triglyceride, Hydroxyapatite, Punica Granatum Fruit Water*, Coco-Caprylate/Caprate, Propanediol, Helianthus Annuus Seed Oil*, Cocos Nucifera Oil*, Tri (Polyglyceryl-3/Lauryl) Hydrogenated Trilinoleate, Polyhydroxystearic Acid, Lauroyl Lysine, Magnesium Stearate, Tocopheryl Acetate, Calendula Officinalis Flower Extract*, Prunus Armeniaca Kernel Oil*, Oryzanol, Bisabolol, Magnesium Sulfate, Tocopherol, Lecithin, Phenethyl Alcohol, Ascorbyl Palmitate, Undecyl Alcohol, Xanthan Gum, Glycerin, Citric Acid, CI 77492, CI 77491 (*da agricoltura biologica)

PRO

  • Filtri solari esclusivamente minerali
  • Formula eccellente: priva di ingredienti “dubbi”, ricchissima di antiossidanti vegetali
  • Biologica
  • Resistente all’acqua
  • Progettata per pelli sensibili (per bambini, ma andrà bene anche per adulti)

CONTRO

  • Eco Friendly nella formula, ma poco friendly nel prezzo

La Saponaria – Crema Solare Bio Bambini Spf50 (125 ml) – Prezzo (Amazon.it): 28,90 euro


1. Algamaris – Latte Solare Spray Bio Spf50

crema solare minerale biologica migliore algamaris

Fra i brand pionieri dei solari capaci di proteggere l’ecosistema marino va riconosciuto il ruolo di Algamaris, azienda cosmetica francese di prodotti biologici.

Spray Solair Algamaris è una crema solare minerale che utilizza ossido di zinco e biossido di titanio come principi attivi, senza alcun altro filtro solare chimico.

È una crema perfetta per chi ha la pelle particolarmente sensibile in quanto è completamente priva di filtri chimici, parabeni e fragranze sintetiche.

Uno degli ingredienti di spicco di questa crema solare è l’estratto di Gelidium Sesquipedale, un tipo di alga rossa che aiuta a lenire e idratare la pelle. È un potentissimo antiossidante e anti radicali liberi.

Troviamo anche il mitico tocoferolo (vitamina E) ad effetto antiossidante, olio di cocco e burro di karitè: formano un mix lenitivo e super idratante, capace di lenire la pelle per molto tempo.

La crema si presenta in un comodo flacone spray che ne facilita l’applicazione e la riapplicazione durante la giornata. Esiste anche la versione in crema, che cito fra i link.

La soluzione in spray garantisce una texture particolarmente leggera e facile da applicare sulla pelle, capace di evitare un effetto bianco troppo marcato.

È anche molto resistente all’acqua, dunque adatta per attività balneari.

Nel complesso, non si può non prendere in considerazione questa crema solare minerale biologica, che ormai da anni resta leader del settore con formule iper attente alle novità del settore e alla ricerca.

Ottima, sotto ogni punto di vista.

INCI

Caprylic/Capric Triglyceride, Zinc Oxide, Cocos Nucifera Oil*, Coconut Alkanes, Titanium Dioxide, Polyglyceryl -2 Dipolyhydroxystearate, Butyrospermum Parkii Butter*, Polyglyceryl -3 Diisostearate, Hydrogenated Vegetable Oil, Lauroyl Lysine, Alumina, Stearic Acid, Coco- Caprylate/Caprate, Glyceryl Caprylate, Gelidium Sesquipedale Extract, M aris Aqua, Potassium Olivoyl PCA, Tocopherol, Helianthus Annuus Seed Oil, Sodium Hydroxide

PRO

  • Filtri solari solamente minerali
  • Fra le più apprezzate per la capacità di evitare eritemi, anche sulle pelli più sensibili e chiare
  • La formula in spray è molto facile da applicare e spalmare
  • Eccellente formulazione: INCI completamente biologico e ricco di burri vegetali idratanti
  • Ottima resistenza all’acqua

CONTRO

  • La confezione è da 100 (invece che i tipici 50ml delle creme minerali), ma resta comunque parecchio costosa

Algamaris – Latte Solare Spray Bio, Spf50 (100 ml) – Prezzo (Amazon.it): 27,90 euro

Algamaris – Crema Solare Bio, Spf50+ (100 ml) – Prezzo (Amazon.it): 29,00 euro


Domande Frequenti sulle creme solari minerali

➤ È vero che le nanoparticelle dei filtri solari minerali sono cancerogene?

Secondo gli ultimi studi, no. Una recente revisione di studi pubblicata su Science ha evidenziato come le nanoparticelle vengano assorbite solo dallo strato superiore di cellule morte della pelle e non da tessuto vivente. Inoltre, le particelle stesse hanno a tendenza a coagularsi, limitando ulteriormente la possibilità di assorbimento transdermico. Lunga vita ai filtri solari fisici!

➤ Come si fa a sapere se una crema solare è minerale o chimica?

Leggi nella sua lista degli ingredienti. I filtri solari minerali contengono ingredienti come l’ossido di zinco e il biossido di titanio, mentre i filtri solari chimici utilizzano filtri chimici tra cui avobenzone e octinoxato.

➤ La protezione solare minerale è migliore della protezione solare chimica?

Quando si sceglie tra creme solari minerali o chimiche, non è detto che una sia migliore dell’altra. Esistono creme solari di qualità anche con filtri chimici. Tuttavia, si ritiene che i filtri solari minerali siano opzioni migliori per chiunque abbia la pelle sensibile poiché alcuni ingredienti chimici possono essere irritanti.

➤ Le creme solari minerali hanno scadenza?

Tutti i filtri solari, minerali inclusi, scadranno. La maggior parte dei filtri solari minerali in genere dura fino a tre anni dalla data di acquisto, salvo diversa indicazione sulla confezione. È importante controllare la data di scadenza del prodotto, poiché i filtri solari scaduti non sono efficaci nella protezione dai raggi solari!

➤ I filtri solari minerali sono resistenti all’acqua?

Dipende dalla crema solare minerale: potrebbero essere resistenti all’acqua mentre o meno, a seconda della formulazione. Non esiste una regola generale, ma va controllata l’etichetta.

➤ I filtri solari minerali sono migliori per l’ambiente?

I filtri solari minerali sono considerati più sicuri per l’ambiente rispetto a diversi filtri solari chimici, ma per la maggiore sicurezza cerca l’indicazione sull’etichetta. Diversi filtri chimici, come i noti Oxybenzone e Octinoxate, sono dannosi per le barriere coralline. Questi ultimi, infatti, si attaccano alla barriera corallina danneggiandone il ciclo riproduttivo.

Ecco dunque tutto quello che c’è da sapere nella scelta di una crema solare minerale, nonché alcune delle migliori creme in commercio!

Personalmente non disdegno le creme solari con filtri chimici.

Tuttavia riconosco come spesso le creme solari minerali facciano maggiore attenzione agli INCI, anche in ottica di salvaguardia dell’ambiente (soprattutto le barriere coralline).

Certamente, fra quelle sopra, ci sono delle creme in grado di soddisfare anche i più esigenti di noi, sia dal punto di vista della sicurezza verso la nostra salute, che nei confronti della natura!

Vuoi approfondire? Ecco alcuni dei miei articoli più letti sull’argomento:

Come sempre, in caso di dubbi, domande o curiosità io sono sempre a disposizione nei commenti qui sotto.

Alla prossima!

Avatar photo
La cosmetica raccontata ad una amica, ma con rigore scientifico. La mia aspirazione è di aiutare a districarsi nel mondo cosmetico, distinguendo fra risultati reali e semplici slogan pubblicitari. Ciao! Sono Federica! Laureata in biologia e attualmente dottoranda in medicina clinica e sperimentale, aiuto ogni giorno centinaia di persone a scoprire il meglio e il peggio fra gli ingredienti di tutti i prodotti proposti nel mercato della cosmetica. Ogni articolo sarà imparziale, sincero e curioso su ogni novità del momento. Il tutto, scritto come se fosse il nostro, e il tuo, diario. Benvenuta/o su beautydiary.it!
Commenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments